Toro ed orso: un’antichissima rivalità fra due simboli della potenza naturale. Una rivalità che è assurta al rango di metafora in una contesa che ha come teatro scenari ben diversi: nei giochi di borsa il toro è simbolo di chi punta al rialzo, l’orso di chi punta al ribasso. Il primo, infatti, scaraventa verso l’alto il nemico infilzato dalle sue corna, mentre il secondo lo sbatte violentemente a terra. Ma quando si scontrano fra di loro, la terra trema. E forse ne vien fuori anche qualche storia su cui meditare. Eccone una, che ha come scenario l’alpeggio della Piana, in Val del Livrio (val del liri), nel territorio comunale di Caiolo. Ci viene proposta, in termini dialettali e poetici, da Pietro Pizzini, nel numero di settembre 2007 del periodico “I regiùr de Valtellina”.
En tòr l’ha sfidàt a duèl l’ùrs de la Piàza / perché l’infastidìva l’bes’ ciàm de su ràza; / su ‘ndi màlghi de la Piàna, apròf al Publìn / el scurentava vachi, manzèti e bucìn. / E inscì, ‘na nòc che el ghèra la luna tùnda / ‘nde la malga di muràchi a furma rudùnda /  stì dùù besciùn, cunt i (t)zàti a tèra, / i sé scuntràt per falafò a la guèra. / Quant che ‘l tòr l’à inviat la ssù vendèta, / su n’ti (t)zàti l’urs el s’è drizzàt per schivà la saèta. / Però minga in prèsa, per mulà ‘na (t)zatàda / e inscì el s’è becàt ‘na tremenda curnàda…/ E a tèra, su ‘nti quatro (t)zati, stìnch l’è crudàt: / cunt el tòr che “urca vaca” l’ha remugàt: / “stu diavulàsc, el me par de capì / l’è ‘n bès’ ciùn de quìì dùr a murì!” / Alùra el tòr per finìfò la vendèta / l’à ciapàt la rincorsa e ripartìt a saèta. / Ma ‘sta vòlta l’urs su ‘nti quatru (t)zàti / el s’è mìnga rizzàt / e ‘l tòr cùntra na muraca el s’è spetasciàt. / Stà storia el me l’à cuntàda el me af casèr, / ‘ndi geldi sìri de ‘n mès de ginèr. / Lùù e l’èva scultàda da ‘n vèc’ bacùc / che ‘l ghèva la baita su in cò al Muncùch. / Adès, quaidùn cùnt i strasc de fustàgn / en paragùn el farà cunt i rugni de ‘sti agn / per scuprì che nigùt de nòf el gh’è su sta tèra: / la gent la sèguita a rugnà e a fas la guèra. / E inscì fra vingidùu e sucumbènt, / el s’è slungàt la fila di malcuntènt, / propri cume el rugnà fra el tòr e l’urs / che sta storia di nòs vèc’ l’à fac’ cugnùs”.

Non si può tradurre la poesie senza farne scempio: basti una rapida parafrasi. Un toro, stanco di vedere insidiate le bestie della sua razza, sfidò l’orso della Piazza a duello. La sfida ebbe come scenario i prati con muretti di forma rotonda all’alpe Piana, di fronte al Publino, in una notte di luna piena. Il toro, che da tempo meditava vendetta, caricò l’orso, il quale si drizzò sulle zampe posteriori per assestare una zampata. Non fu, però, abbastanza rapido, e si prese una tremenda cornata, che lo fece stramazzare a terra. Il toro, allora, caricò una seconda volta, per finirlo; stavolta, però, l’orso non si rizzò sulle zampe, ma lo schivò, facendolo rovinare contro un mucchio di sassi. La sfida ebbe dunque termine, con entrambi i  contendenti ridotti a malpartito. Questa storia venne raccontata dal nonno casaro del Pizzini, che, a sua volta, l’aveva ascoltata da un vecchio che aveva una baita al Moncucco. Qualcuno potrebbe paragonare questa contesa alle beghe del giorno d’oggi, perché la gente continua a litigare ed a farsi la guerra. L’esito è sempre quello: fra vincitori e vinti, si allunga la fila di quelli che ne escono a malpartito, proprio come è accaduto al toro ed all’orso.
Chi ha orecchie per intendere…

Un’analoga storia si racconta in Val Rabbiosa, che si apre a monte di Fraciscio fino alle falde del pizzo Stella, nella Valle di San Giacomo. La leggiamo nell’incantevole volumetto di don Abramo Levi, “Spartiacque”, (L’Officina del Libro, Sondrio, 2004):
C'è il Pian dell'Orso e, più giù, c'è il passo dell'Orso. Qui l'orso bruno ebbe lunga vita. Pare che uno degli ultimi esemplari sia stato ucciso da un toro a cornate. Il toro era riuscito a spingere l'orso contro un masso, e gli si era poi avventato contro con furore. L'orso – così raccontano – già morto, si muoveva per pura forza di gravità, ma il toro, che evidentemente non conosceva questa legge, pensava che fosse ancora vivo, perciò moltiplicava gli affondi a muso duro. Infine anche il toro cadde esausto per gli sforzi, come cade il toro nell'arena, e i morti furono due: l'orso e il toro.”

[Torna ad inizio pagina]

Copyright © 2003 - 2017 Massimo Dei Cas La riproduzione della pagina o di sue parti è consentita previa indicazione della fonte e dell'autore (Massimo Dei Cas, www.paesidivaltellina.it)

Copyright © 2003 - 2017 Massimo Dei Cas Designed by David Kohout